Remember

Per fronteggiare l’Antagonista e per riuscire a contenerlo dobbiamo imparare ad entrare in noi stessi, usare strategicamente il tempo che abbiamo a disposizione per accedere in una fascia di vibrazioni così intensa, con frequenze così alte, da sfiorare il silenzio. Lì si è compatti, impenetrabili, vittoriosi. La guerra si vince solo quando ricordiamo. L’intensa luce che sprigiona l’istante esatto in cui affiora il ricordo, si irradia ovunque ed è in grado di trasformare tutto in ogni direzione di spazio e di tempo. Nell’attimo in cui ricordiamo dobbiamo fermarci, smettere di fare ciò che stiamo facendo, essere capaci di interrompere qualsiasi azione per sfuggire alla propria meccanicità.

We have to pierce that incrustation!

Siamo tutti incrostati dalla meccanicità e l’unico strumento che abbiamo per rompere questo guscio è la volontà. La volontà non è uno strumento della mente, non ha niente a che vedere con la ragione, è il controllo intenzionale su ogni cosa che appartiene alla nostra interiorità, fin nei minimi dettagli.   D. Come possiamo accedere alla nostra volontà?   R. Attraverso l’osservazione e l’auto-osservazione totale, solo in questo modo possiamo far sì che nulla possa entrare per nuocerci: questo è potere, è gloria! Così come siamo ora, noi vogliamo e cerchiamo i problemi, perché ci fanno sentire vivi, mentre l’assenza di ruolo è una prospettiva che ci provoca dolore.

Be questionless! Be answerable! To be questionless and to be answerable are one and the same thing.

Solo un uomo integro può esserlo, un uomo responsabile, concentrato nella gioia di amare/dare, che mai pensa a ricevere. Egli è un individuo che ama e che dà, senza sosta e senza limite, sapendo che nulla di esterno può appagarlo o completarlo, perché ha già tutto in sé, ‘contiene’ ogni cosa.

 

Such an individual pulls his own strings, is author of himself, is endlessly alert and never falls in a lower state of Being. Haunting the prey and realising that it does not exist, is his favourite hobby.